Cesare Pavese

“… ma l’uomo è tecnica, fin dal giorno che impugnò una scure a combattere contro le belve o uno stilo per scrivere; e se oggi la tecnica appare nemica dello spirito, ciò è vero nel senso che in troppi paesi di questa terra il lavoro che gli uomini compiono è accantonato e reso vano da chi non lavora e c’ingrassa”.

2 pensieri riguardo “Cesare Pavese”

  1. questa te la devo scrivere: “E a te non pare una rivoluzione che il Sindaco mi vuol far pagare per le erbe create da Dio e che io stesso raccolgo? o ti sei guastato la testa anche tu?” [Tomasi Di Lampedusa, “Il Gattopardo”].

    "Mi piace"

    1. Cara Fede, Il Gattopardo l’avevo letto, ma questo passaggio non me lo ricordo, varrebbe la pena rileggerlo, non fosse per il fatto che ho una lista di libri e autori che non finisce più. Una bella rivoluzione, peccato che gli italiani non le sappiano fare, si accontentano di qualcuno che gli promette sempre qualcosa.

      "Mi piace"

I commenti sono chiusi.