Sento il respiro del vento

Sento il respiro del vento,

nel silenzio degli alberi quiescenti

nel desiderio latente d’immortalità.

Il tempo ceduto riaffiora

Nei lembi di un presente,

arido di speranze.

Brandelli di futuro colgo

Nel mio disperato vagare,

tra luci e ombre chiare

scorgo ancora il tuo muto sorriso.

Rimpiango quel giorno

Vanifico quel barlume di felicità,

che non colsi nel tuo sguardo.

 

Marco Fantuzzi

11 pensieri riguardo “Sento il respiro del vento”

  1. è sorprendente come spessissimo la cifra finale della poesia sia la negazione, deve essere nella natura umana e, massimamente in quegli individui più sensibili di altri. Grazie, a presto

    "Mi piace"

  2. La condanna umana a guardare indietro per soffrire o di guardare troppo avanti per poi essere spesso delusi. L’incapacità di gustare tutto il presente. Bella davvero.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: