Tracy Chapman – The promise

Annunci

Ti ho vista camminare

Ti ho vista camminare
Sulle punta delle dita
Per non fare rumore.
Ho sentito il ritmato sentimento
Del mio cuore sul selciato.
Ho guardato la tua timidezza
E mi ci sono perso.
Ecco sono qui
Puoi scegliere i miei pensieri?

Marco Fantuzzi

Figlia – Roberto Vecchioni

Dalla parte dei bambini

Ma Bohème

A ridosso del 19 marzo, data in cui si celebra la festa del papà, non si fanno attendere le polemiche anche in assenza di recenti fatti di cronaca che possano generarle o di narrazioni che li mettano in prima pagina.

In rete, da giorni, circolano articoli che raccontano di come in un asilo nido di Milano sia stato deciso di abolire la tradizionale preparazione di regalini e bigliettini per il proprio genitore. Ne parla ovviamente Il Corriere, seguono a ruota La Stampa, Il Fatto Quotidiano e altre testate. Motivo della scelta? Non discriminare i bambini che hanno due mamme o sono comunque figli di coppie gay. Immancabili le proteste di Fratelli d’Italia, Lega Nord e di chiunque abbia sfruttato l’occasione per strumentalizzare l’accaduto.

È proprio un pezzo del Fatto a essere condiviso ripetutamente e a diffondersi come un meme.

Retweet a raffica, commenti indignati dai classici «Vergogna!» o…

View original post 1.011 altre parole

Patty Pravo – E dimmi che non vuoi morire

Ti sogno

Ti sogno nelle lunghe giornate,

nelle notti tormentate

nell’alba che cattura il giorno

nel tramonto che accende la notte.

Tu quale stella sei?

Rasserena la mia imminente vecchiaia

brucia i miei ricordi

così che ci sia spazio solo per noi.

Marco Fantuzzi

Agli amici – E’ tramontato giorno

Cari Amici,

Stasera ho terminato la stesura della prima bozza del mio nuovo libro di poesie, si tratta di oltre sessanta poesie, tutte assolutamente inedite, mai pubblicate sul blog. Si chiamerà RIME E VISIONI, se qualcuno volesse essere così gentile da darmi qualche idea sulla grafica della copertina lo ringrazio tantissimo.

Intanto vi lascio con una delle poesie che ho scartato, una scelta molto difficoltosa, erano circa un centinaio inizialmente.

 

È tramontato giorno

 

È tramontato giorno

su questo triste amore,

le foglie son staccate

con non poco dolore.

Udir non posso il nome

della tua delicata vita,

da ripetere ogni momento

con gioia infinita.

Hai sconvolto la vita mia

e le mie mani scivolano

sul tuo corpo lieve,

mentre adagi le labbra

e questo uomo sviene.

 

Marco Fantuzzi