Un incontro

Peccato che non ci sia ancora la luna – disse Anna.

È bello anche così – replicò Franco, lanciando un sasso nello specchio scuro del lago notturno.

Il sasso rimbalzò parecchie volte sull’acqua prima di affondare: quante volte da ragazzo si era divertito con gli amici a gareggiare a chi faceva volare più lontano dei piccoli sassi appiattiti.

A questo stava pensando Franco mentre Anna osservava il cielo stellato.

La luna sarebbe sorta da lì a poco ma quel laghetto di montagna sulle cui rive avevano piantato la tenda era quanto di più luminoso potesse scaldare i cuori dei due giovani innamorati.

Franco aveva conosciuto Anna da pochi mesi, durante la pausa pranzo di una ventosa giornata di primavera: lo ricordava bene perché sua madre quel mattino era più agitata del solito.

La malattia che la costringeva a letto da parecchio tempo si acuiva nelle giornate in cui l’aria vorticava intorno a casa.

Era una tragedia vedere sua madre spegnersi ogni giorno di più, lui era sempre stato un combattente, sua madre no, lei stava arrendendosi a un male inesorabile.

A tutto questo stava pensando quando una ragazza dai capelli ramati gli chiese gentilmente qualcosa nel bar della stazione.

Aveva due occhi chiari profondissimi e quando lui si girò per rispondere non poté fare a meno di perdercisi dentro: svanirono i pensieri e lui si domandò da dove arrivasse.

Non l’aveva mai vista, e lui quasi tutti i giorni pranzava in quel locale pieno di gente affannata.

Aveva l’aria di una ragazza che sapeva il fatto suo, con lineamenti dolcissimi e lunghi capelli avvolti in una coda fermata da un elastico colorato.

Vestiva in modo semplice ma ricercato al tempo stesso, era bella ed elegante.

Franco non ricordò cosa le rispose, quello fu il primo incontro, lei ringraziò e poco dopo se ne andò.

L’avrebbe rivista la settimana successiva, nello stesso luogo, alla medesima ora.

Lui era una persona timida e riservata, lei espansiva ed esuberante.

Al secondo incontro fu Franco ad attaccare discorso, non era da lui agganciare una ragazza così, ma era desideroso di nuovi incontri.

Il lavoro non lo stimolava molto in quel periodo, i colleghi nemmeno dopo anni passati insieme.

Lavorava in una grossa azienda di elettrodomestici, che pochi anni prima aveva aperto una filiale produttiva nella zona.

Lei invece era una giovane artista, dipingeva soprattutto acquerelli, abitava a una cinquantina di km in una zona collinare ricca di boschi e laghetti.

Era nei pressi di uno di questi laghetti che avevano piantato la tenda per il loro primo incontro: non la tipica cena nel ristorante “in“ della città con quello che ne poteva seguire, ma una giornata “full immersion” nelle colline che lei tanto amava e che conosceva come le sue tasche.

Franco si era lasciato convincere facilmente, innamorato com’era, vulnerabile com’era.

La luna stava sorgendo, dietro il profilo delle montagne laggiù in fondo, fra un paio d’ore si sarebbe specchiata con gli alberi a far da contorno nell’acqua limpida del lago.

Era stata una breve salita, zaino in spalla, il mattino presto.

L’estate era iniziata da poco.

Il fiero coraggio

Il fiero coraggio della vita non posso dire mi abbia abbandonato, in verità non l’ho mai avuto.

Sono innamorato di un’ideale di vita, non della vita stessa, non del dolore che soffoca la vita stessa, non dell’amore che soffoca il desiderio.

Altro non c’è. Dolore e amore, e in fondo un infinito stupore.

Un bellissimo Ego

Aveva accavallato le gambe di seta nera, più per abitudine che per altro, il suo sguardo non era ammiccante, non ne aveva bisogno. Il suo completo nero, un tailleur di taglio squisito, stringeva forme importanti, questo bastava a richiamare l’attenzione.

L’avevo osservata più volte, e l’avevo vista camminare nella sua alterigia, dubito che coltivasse rapporti umani, se non per necessità fisiologiche, o magari neppure per quelle, difficile da inquadrare.

Il suo sguardo era sempre sfuggente, forse non le interessava l’amore, bastava il suo ego a soddisfarla.

Magari nella sua piccola casa, con graziose tendine color lillà, concedeva al tempo di appropriarsi di se stessa, lontano da sguardi curiosi, davanti a uno specchio si deliziava dell’immagine nuda che nessuno avrebbe mai visto…

Un incipit abbandonato a se stesso

La Speranza

Nelle nostre povere mani,

callose per il duro lavoro,

tagliate, di sangue rappreso

per le reti scavalcate,

nell’assurdo pensiero

che al di là del muro

c’è ancora un cielo azzurro

per tutti noi,

nelle mani la nostra speranza.

Ma cos’è questo mondo

Ma cos’è questo mondo che ci lascia sempre più indifferenti, se scavi a fondo nell’animo tuo e altrui ti passa la voglia di lottare (e ti dicono che sei pessimista), se gioisci, se vedi sempre il lato positivo delle cose (se poi c’è, ma per questi c’è sempre) ti dicono che sei ottimista.

Ma il mondo chi l’ha fatto, gli ottimisti o i pessimisti, o l’hanno fatto insieme? Difficile crederlo, o forse sì visto il risultato.

L’ha davvero creato un dio (imperfetto), è stata una perfetta casualità, o una causalità di eventi susseguenti?

Io la risposta ce l’ho, è la mia e non ve la dirò, ognuno deve cercarla dentro di sé (ma chi mi segue da un po’ può essersi fatto un’idea di come la penso, anche se credo che informarsi sia un diritto ma ragionare con la propria testa sia un dovere).

Perché non esistono fatti e parole buone per ogni stagione, anche se mi piacerebbe crederlo, anche se vorrei che la follia degli uomini ci riportasse tutti bambini, con quell’innocenza che sola può salvarci.

Marco Fantuzzi