Gli sbagli

Gli sbagli che abbiamo fatto in passato non devono darci il tormento per tutta la vita, se abbiamo agito in buonafede e pensando che la scelta fatta fosse la migliore per il nostro patrimonio di conoscenze in quel momento non dobbiamo pensare dieci anni dopo “se ritornassi indietro farei l’opposto di quello che ho fatto”, troppo facile giudicare a posteriori la vita passata con un livello di conoscenze superiori.

Dobbiamo lavorare sulla nostra mente, che ci condiziona in ogni momento della giornata e convincerci che ogni scelta fatta in passato era comunque la migliore per le condizioni psico-fisiche in cui eravamo in quel dato momento. Immergerci nei sensi di colpa servirà solo a farci trascinare dagli eventi adesso e in futuro invece di viverla appieno.

L’incertezza delle cose della vita, delle azioni che compiamo, e di cui a priori non conosciamo appieno gli effetti ma solo lo immaginiamo, è qualcosa che rende la vita più bella e affascinante. Un futuro già scritto, che conosciamo a priori non serve a vivere una vita migliore.

Immaginare quale futuro vogliamo è la cosa più stimolante che una persona possa desiderare, l’importante è capire dove bisogna indirizzarsi, e solo provando varie strade puoi trovare quella giusta o che perlomeno si avvicina ai tuoi desideri.

La vita è un’avventura, che lo desideriamo o no, non viverla non serve a niente, poi ognuno deve cercare il proprio modello, crearsi la propria filosofia, l’importante è non chiudersi in se stesso e isolarsi dal mondo ma confrontarsi con gli altri. Solo dal dialogo posso emergere idee nuove da poter sviluppare.

Marco Fantuzzi

L’inverno del cuore

L’inverno del cuore è arrivato,

lo temevo e si è avverato,

un cuore senza amore,

carne senza spirito,

gelida anima.

Una vecchia poesia, forse una delle prime che ho scritto. Si adatta molto bene a questo periodo della mia vita.

Led Zeppelin

Lascio a voi l’interpretazione di questa stupenda e complessa canzone, anche se è riduttivo chiamarla canzone. Fu scritta nel 1970 da Robert Plant e Jimmy Page, le due anime fondanti dei Led Zeppelin.

Ho baciato gli spigoli

Ho baciato gli spigoli su cui appoggi la vita

opportuni appigli per avanzare, per sollecitare richieste.

Ho arrotondato gli spigoli smussando le asperità del cammino

lisciando finemente le efelidi, una per ogni vita.

Ho plasmato gli spigoli per l’amore che ti devo

che ha bagnato i miei capelli, mentre il tuo sole risplendeva.

26/12/2021

Pensando a te

Ci saranno sempre soldi

Ci saranno sempre soldi,
puttane e ubriaconi,
fino all’ultima bomba.
Ci saranno sempre soldi,
Ma come Dio ha detto, accavallando le gambe…
vedo che ho creato
fin troppi poeti,
ma non altrettanta poesia …

Charles Bukowski

Come una metastasi celeste

Come una metastasi celeste

Arrivò quieta sui nostri lidi

E mai più se ne andò.

Un’escrescenza folle sbucò

All’improvviso, tra quieti silenzi

Nella carne che esplose al cielo.

13/03/2021

Leggendo Valerio Magrelli

In piedi, Signori

Centoquarantadue

La prima parte della poesia che segue è stata spesso attribuita erroneamente a Shakespeare. In realtà pare che questi versi siano di un anonimo e che non ve ne sia traccia in alcuna opera del drammaturgo inglese. In ogni caso, la poesia è bellissima e ci sembra giusta per questo giorno.

View original post 242 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: