Nel periglioso mare

Nel periglioso mare son venti

a sollevare ondose vite alla deriva,

e si straccia il cuore

in brandelli da raccogliere.

Ma non basteranno

le tue mani e il tuo tempo

per ricomporlo tutto.

Un urlo straziato l’ha lacerato,

lì era la sede dell’amore,

ma di amore

mai più potrà riempirsi.

 

Marco Fantuzzi

Annunci

La città

La città, un nodo di contatti,

un mondo sconosciuto,

un brulichio di formiche che si annusano.

È questo che vedi planando nel cielo come un aquilone

spinto da un vento leggero che non ha fretta

di fluttuare chissà dove.

Pure le nuvole si scansano al suo passaggio,

e fanno da parata applaudendo

come spettatori impazienti di vedere il finale.

Marco Fantuzzi

C’è un odore dolciastro nell’aria

C’è un odore dolciastro nell’aria,

come di zucchero filato ancora caldo,

e si mescola al profumo dei tigli.

Poi all’improvviso arriva il suo profumo:

Narciso Rodriguez, ti adoro!

Poi arriva il rumore dei suoi tacchi, inconfondibili,

solo lei accarezza il selciato con quella grazia,

che Dio o chi per lui le ha concesso.

Ma non mi soffermerò a salutarla,

troppo distante dai miei sentieri,

troppo presente nei miei pensieri!

MarFan

Siamo stati figli

Siamo stati figli

siamo padri (o madri)

saremo forse nonni

saremo nulla.

Quattro momenti della nostra vita

come quattro stagioni,

ognuna col loro compito,

con la loro speranza.

Sbocciamo nella consapevolezza

di costruirci una lunga vita,

ci perdiamo, ci ritroviamo,

abbracciamo noi e la nostra vita,

ne curiamo i germogli,

sì che da giovani piantine diventino solide querce,

ne cogliamo i frutti in una vita erosa dal tempo.

Siamo lì che ancora godiamo di una felicità raggiunta,

ma un temporale inatteso ci schianta,

Zeus ci ha fulminato sulla Via!

MarFan

Stai qui

Stai qui, vicino al mio cuore,

intangibile sembra, a volte,

la mia serenità, il mio amore per te,

ma è solo una spiga dorata

che accarezzi

nel caldo lucore della sera.

 

Marco Fantuzzi

C’è un tempo perduto

C’è un tempo perduto

E un tempo ritrovato,

Ci sono le tue carezze

E ci sono le tue certezze,

I nostri incontri di ieri

E dell’oggi dolci pensieri,

C’è la luce sui nostri visi

E nel tramonto i sorrisi.

C’è il battito del cuore

Che spinge sul tuo seno,

C’è l’inconfondibile amore

Che arriva in un baleno,

C’è l’oggi e c’è il domani

E ci sei tu nelle mie mani,

C’è un bacio che mi preme

E c’è l’incanto del mio seme.

C’è tutto e non c’è niente

C’è solo passione ardente.

 

MarFan

Che intreccio di rami questi tralci miei

Che intreccio di rami questi tralci miei,

come ore e minuti di questa vita inesausta.

Hanno il colore della terra secca,

ma di questa la sostanza.

Riposano nel freddo inverno baciati dal sole

che scioglie l’argentea brina che li avviluppa.

Contorti, si stendono su di noi,

come pensieri aggrovigliati sulla nostra tenera radice.

E sono giorni e notti, che sfuggono il nostro tempo.

 

MarFan