Naufrago

Sono un bagno di sudore

nel risveglio del sogno

un letto vuoto è dolore

nessuno per il mio bisogno.

Quale triste uomo son io

fragile e inquieto

piange il cuore mio

perché mi è posto un veto.

Corroso è l’animo mio

sverniciato è il mio cuore

dolenti parole nel mio oblio

spengono il mio ardore.

Naufrago in un periglioso mare

tra flutti di onde chiare

in una piatta isola di dolore

dove per sempre morirà il mio amore.

Marco Fantuzzi