Un bellissimo Ego

Aveva accavallato le gambe di seta nera, più per abitudine che per altro, il suo sguardo non era ammiccante, non ne aveva bisogno. Il suo completo nero, un tailleur di taglio squisito, stringeva forme importanti, questo bastava a richiamare l’attenzione.

L’avevo osservata più volte, e l’avevo vista camminare nella sua alterigia, dubito che coltivasse rapporti umani, se non per necessità fisiologiche, o magari neppure per quelle, difficile da inquadrare.

Il suo sguardo era sempre sfuggente, forse non le interessava l’amore, bastava il suo ego a soddisfarla.

Magari nella sua piccola casa, con graziose tendine color lillà, concedeva al tempo di appropriarsi di se stessa, lontano da sguardi curiosi, davanti a uno specchio si deliziava dell’immagine nuda che nessuno avrebbe mai visto…

Un incipit abbandonato a se stesso

…Speranza

Non una speranza di pace

alberga nel cuore degli uomini,

nessuna ricerca di verità

può soddisfarlo.

Lui è nel giusto,

il sorriso del vincitore,

questa è l’unica certezza

altre non ve ne sono.

Nemmeno che il sole sorgerà domani,

lui che ci accompagna da sempre,

che da sempre veglia sui nostri destini

lui che ci ha donato la scintilla della vita.

Anche lui un giorno si spegnerà,

ma noi non dovremo temere,

avremo abbandonato questo paradiso

da miliardi di anni.

Altri paradisi non ci attenderanno.

 

Marco Fantuzzi

Si è staccata una pagina

Si è staccata una pagina del mio quaderno vitale

e nel buio si è accartocciata e incendiata

e ora sono preda di bagliori improvvisi,

di ricordi dimenticati.

Ho perso una pagina, domani un’altra

mi lascerà ancora più nudo

e l’ultima rimarrà per coprire il mio ego.

 

Marco Fantuzzi