Nella quiete del tempo

Nella quiete del tempo

trovai il mio cammino

steso tra resilienti canneti

in balia del vento.

La primavera

aveva inondato il mare

verde brillante

come foglie bagnate di rugiada.

L’aria disseminava

canti e profumi

i lillà erano in fiore

e i nidi ricchi di allori.

La vivacità della natura

con i suoi cicli infiniti

di semina e raccolto era lì

nella quiete del tempo.

03/01/2021

Leggendo Olga Tokarczuk

L’ultima stagione

L’ultima stagione della tua vita,

(il nostro ultimo viaggio)

i lillà erano in fiore

le pale battevano su pianure assolate.

Ma quella maledetta notte

il cielo lacrimava

(lacrime sul mio dolore)

un buio gelido mi portò la notizia,

un trillo ripetuto e incessante

(e io non riuscivo ad alzarmi).

Non so se tu mi vedi ancora

(vorrei crederlo)

se guidi i miei passi di povero mortale

(oso sperarlo)

se sorridi,

se piangi,

se maledici,

se ami.

Io non so se vedi

le albe e i tramonti,

se ripensi alla tua amata Puglia,

ai vecchi genitori,

ai figli,

agli amori passati,

al presente,

al futuro

(ma questo appartiene ai vivi).

Salute amico mio,

dovrai aspettarmi a lungo,

io non mollerò,

me l’hai insegnato tu.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: