Fotografare la miseria

Fotografare la miseria della povera gente in fondo è facile (così si crede), ma chi vive nell’indigenza, però, non è senza dignità come molti potrebbero credere.

Marco Fantuzzi

fotografare la miseria

Foto di ATDSPHOTO da Pixabay

 

I miserabili

I miserabili,

uomini sotterranei

(di loro non c’è traccia)

come topi di fogna

alla ricerca della sopravvivenza.

Volti emaciati dal dolore,

corpi come scheletri invernali

coperti di cenci

e di un tanfo insopportabile.

Come può l’uomo

ridursi in cotal stato.

Quale società

produce simili abomini.

Non c’è pace

nel cuore degli uomini,

non c’è felicità,

solo sangue e dolore.

 
Marco Fantuzzi

Ragpicker

Giovani anime derelitte

nei loro sguardi la serietà di un vecchio

giovinezza bruciata tra montagne di rifiuti

nelle discariche che la vita ci regala.

Persi sono i loro anni migliori

per uno sputo di sopravvivenza

umiliati nel cuore

da disprezzabili genti.

Tutto il giorno a sbattersi

per poche rupie

per un misero pasto

che non riempirà la loro magrezza

ma sazierà la loro dignità.

Fantuzzi Marco

(ispirato da un post di Passoinindia)

http://passoinindia.wordpress.com/2014/03/04/rashmi-che-raccoglie-rifiuti/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: