Domande su domande

Domande su domande

tormentano il mio cuore

so che non le leggerai

non sai leggere il mio amore.

E io scriverlo non so

so guardarti e fuggire

preparo le parole per i nostri incontri

ma scioglierle non so.

Cos’è quest’ansia che mi opprime

quando ti incontro?

È amore? So di amarti,

ma non riesco a dichiararmi!

Cosa mi frena?

La tua bellezza,

la tua giovane età,

Le mie mani vorrebbero osare!

Sono un uomo senza pace

sono un uomo senza voce

sono un uomo, ma tu non lo sai

non lo saprai, né oggi, né mai!

Marco Fantuzzi

Annunci

Roberta Francomano – Prigioniera

Mina – Parole Parole

Solo parole

Valanghe di parole

sulla mia fragile vita,

e frana il mio cuore

senza una gioia infinita.

La notte era tempesta

quando sbattesti la porta,

fuggivi da una vita modesta

nella tua mente assorta.

Al mattino il letto caldo

odorava del nostro tempo,

ogni giorno uno smeraldo

sul nostro sentimento.

E tu riempivi il mio cuore

con la gioia del tuo amore.

Ora c’è un silenzio innaturale

a riempir le solitudini,

un frastuono assordante:

parole, ancora parole,

le tue parole e niente altro.

Marco Fantuzzi

Anna Oxa – Quando nasce un amore

Così comincia un amore

Così comincia un amore
Ci si incontra, si parla
Poi non puoi più farne senza
Di incontri, di parole
E di tanto altro ancora.
Non credo ai colpi di fulmine,
Quelli già riempiono i temporali,
Credo ai rapporti costruiti
Giorno dopo giorno dopo giorno,
Nell’immensità della vita.
Ti credo, ti amo, ti odio vita mia,
Che di me non hai fatto un guerriero,
Mi hai lasciato in balia
di venti e tempeste, senza armi di lotta
Per la mia penna spuntata
Che sola vuol giacere su un calamaio abbandonato.
Nel vento catturo stelle per il mio volere,
Pensieri silenziosi sul tuo diafano pallore.

Marco Fantuzzi

Miagolante tigrato

Miagolante tigrato, che vai cercando?
Il tuo passo, lento e incerto,
come mi rassomiglia,
ma tu non hai coscienza
del tempo che fugge,
mentre io me ne spavento, a volte.
E mi rifugio in me,
tra le mie parole
silenziose e superbe,
roboanti, umili, senza fine alcuno.

Marco Fantuzzi