Gli sbagli

Gli sbagli che abbiamo fatto in passato non devono darci il tormento per tutta la vita, se abbiamo agito in buonafede e pensando che la scelta fatta fosse la migliore per il nostro patrimonio di conoscenze in quel momento non dobbiamo pensare dieci anni dopo “se ritornassi indietro farei l’opposto di quello che ho fatto”, troppo facile giudicare a posteriori la vita passata con un livello di conoscenze superiori.

Dobbiamo lavorare sulla nostra mente, che ci condiziona in ogni momento della giornata e convincerci che ogni scelta fatta in passato era comunque la migliore per le condizioni psico-fisiche in cui eravamo in quel dato momento. Immergerci nei sensi di colpa servirà solo a farci trascinare dagli eventi adesso e in futuro invece di viverla appieno.

L’incertezza delle cose della vita, delle azioni che compiamo, e di cui a priori non conosciamo appieno gli effetti ma solo lo immaginiamo, è qualcosa che rende la vita più bella e affascinante. Un futuro già scritto, che conosciamo a priori non serve a vivere una vita migliore.

Immaginare quale futuro vogliamo è la cosa più stimolante che una persona possa desiderare, l’importante è capire dove bisogna indirizzarsi, e solo provando varie strade puoi trovare quella giusta o che perlomeno si avvicina ai tuoi desideri.

La vita è un’avventura, che lo desideriamo o no, non viverla non serve a niente, poi ognuno deve cercare il proprio modello, crearsi la propria filosofia, l’importante è non chiudersi in se stesso e isolarsi dal mondo ma confrontarsi con gli altri. Solo dal dialogo posso emergere idee nuove da poter sviluppare.

Marco Fantuzzi

Ho perduto i miei occhi

Ho perduto i miei occhi,

mentre socchiudevo lo sguardo

e filiformi ciglia sbattevano nell’incontrarti.

Li ho perduti tra i sassi del mio cammino,

tra le campanule, lungo i fossi,

nello scorrere lieto delle fresche acque,

nel giorno che si spegne e giammai rivivrò.

 

Marco Fantuzzi

Non posso camminarci

Sono i pensieri di ieri

quelli in cui non posso camminare,

perché quel tempo non esiste più

anche un secondo dopo è già svanito,

a questo penso e sono sfinito…

 

Marco Fantuzzi

24-05-2015

Ricordo

 

Silenzioso parco

Che hai colto il mio vociare bambino

Mamma accanto a me io non ricordo.

 

Donna deturpata dalla vita

Illusa e disillusa

Un volto angosciante

Sul mio giovane sorriso.

 

Spezzata fu la tua gioventù

Quando i sogni

Dovevan diventar certezze.

 

Quando l’amore per la vita

Si tramutò in odio

E tu non riuscisti più

A celarlo al tuo cuore.

 

Troppo grande era per te!

 

Marco Fantuzzi

03-03-2015

Giovinezza

 

Odoro i tigli

Della mia giovinezza

Quando ogni giorno

Aveva il sapore di un’avventura.

 

Quando il mattino

Mi svegliava lieto

E i sogni scaldavano

Le lunghe notti.

 

La luce mi portava

Il canto dell’usignolo

E la quercia lasciava i suoi frutti

Per l’affamata ghiandaia.

 

E la vita aveva il tuo volto

Che mai più scorderò!

 

Marco Fantuzzi

09-03-2015

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: