Maledetto il giorno

Maledetto il giorno in cui ti incontrai,

maledetto il mio amore senza speranza,

che oscura il sole e si nutre della Luna.

Dove sei rugiada del mattino

che hai tolto luce alle mie stelle?

Il giorno non trasmuta in quieta notte

il sogno come una montagna scende a valle.

 

Marfan's poetry

È l’odore della pietra

È l’odore della pietra

che pervade il tuo sudario,

è l’odore della terra

che consuma il mio calvario.

Lunghe notti rivivranno

eterni canti d’amore,

tu ascoltar non potrai

tra le pieghe del tuo cuore.

E i miei sogni svaniranno

nella celeste aurora,

nel sole che discioglie la rugiada,

nel mattino svolto di nuova vita.

 

Marco Fantuzzi

Occhi

Hai occhi

per vedere

gocce di rugiada?

Vedi il raggio di sole

che le scioglie

liberando la vita

che c’è in loro?

Vedi il vicino

che ti accompagna,

la goccia che bagna

la tua arida mente,

il fiocco di neve

che illumina

le tue opache giornate,

il vento leggero

che cattura i tuoi pensieri,

il fulmine che spezza

l’incanto del cielo

e incute paura nei pavidi,

l’arcobaleno

che riempie di colore

la nostra monotona vita?

Turbinio

Turbinio di foglie,

lucidi passi

pestati a forza

nella nuda polvere.

Carpe diem,

le lacrime dei morti

(nel buio della notte)

sono veli di rugiada

che il sole dissolve.

Le anime dei morti

colorano le stelle,

sono luci vivide

che scaldano la notte.

Tu dove sei

amore della mia vita,

senza di te

dove trovo il senso

del quieto vivere?

Ti ho visto morire,

abbandonare

il tuo roseo colore

e ora sei un sasso,

ne hai colore e consistenza.

Freddo, liscio, pesante

sei un peso sul cuore

chi mai lo toglierà?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: