Linguaggio impuro

Ogni linguaggio è contaminato,

dai nostri sensi,

dalle nostre azioni,

dalle nostre interazioni,

dai nostri sentimenti,

dal nostro umore.

Non esiste la purezza,

non è di questo mondo.

Duri e puri,

un’utopia,

potrebbe portarci lontano,

o farci naufragare,

per sempre.

Marco Fantuzzi

Quando il tempo non esisteva

Quando il tempo non esisteva e nemmeno l’uomo che lo inventò, salvo poi pentirsene amaramente, tutto trascorreva nella più assoluta indigenza.

Tutto era lasciato al caso, all’immancabile destino, quello sì da sempre esistito su animali e cose.

Esisteva da prima degli dei, che per loro divertimento crearono l’uomo e la donna e trasposero su di loro gelosia, invidia e tutte le malvagità che fra di loro avevano già sperimentato.

Ma con gli esseri mortali, così presi dalla loro sessualità, era un dolore e un sanguinamento continui, e per gli dei era una festa continua, e lo è tuttora, visto che ancora l’uomo crede in Dio e ancora si scanna in modo brutale.

Marco Fantuzzi

Le banche

Mi domando spesso qual è l’utilità delle banche in un sistema strutturato come il nostro: nessuno. Come la finanza in generale.

E qualche deficiente tra quelli che ci governa vorrebbe far sparire il denaro contante in modo che per qualsiasi transizione sia necessario appoggiarsi ad una banca. Quello è l’unico guadagno certo per le banche, le transazioni bancarie di ogni tipo. Il denaro deve circolare liberamente, le banche dovrebbero essere al massimo nazionalizzate, i privati hanno già fatto abbastanza danni. I ricchi andrebbero aboliti per legge, perché tanto le tasse non le pagano, salvo le eccezioni, le persone più povere le sfruttano, non si vede a cosa servano. E non creano posti di lavoro con le loro aziende, creano solo ricchezza per le proprie tasche. I ricchi sono le persone più inutili di questo mondo, quando commettono un reato dovrebbero essere messi alla gogna ed esposti al pubblico ludibrio perché se è vero che nessuno dovrebbe commettere reati è anche vero che i ricchi non ne hanno nessuna necessità. E non voglio difendere i poveretti che ammazzano o rubano per sopravvivere, ma i ricchi hanno tutto quello che gli serve e anche molto di più. Perché devono continuare a rubare, sfruttando leggi fatte da loro, corrompere per arricchirsi, senza quasi mai pagare per questi reati. Serve una rivoluzione culturale che metta il lavoro e la dignità umana come valore centrale, fondante di una nuova civiltà.

Proviamo a riflettere: cosa succederebbe se le banche, come auspico, cominciassero a fallire. L’unico inconveniente sarebbe che la gente che vi lavora dovrebbe cercare un’altra attività per sopravvivere. Invece tutti gli addetti ai lavori ci vogliono far credere che il mondo crollerebbe. Di sicuro cambierebbe, ma io credo in meglio. Rendiamoci conto che l’unica attività in cui primeggiano è rubare ai poveri, la maggior parte dei correntisti, per dare ai ricchi, che di quelle banche sono azionisti.

Un Robin Hood alla rovescia. Le banche sono molto usate per effettuare pagamenti come le nostre utenze di casa, e per questo potrebbero chiudere anche subito. I bancari potrebbero andare a fare gli esattori per conto di gas, luce, acqua, telefono, tasse. In un attimo abbiamo così creato posti di lavoro, poveri esattori sotto il sole in estate, la neve d’inverno, la pioggia e la nebbia nelle altre stagioni, loro abituati a lavorare a 20° tutto l’anno, seduti sulle loro comode poltroncine, nei loro abiti eleganti, puliti e profumati, che tristezza! Le banche erano nate per poter prestare soldi a chi non li aveva, salvo restituirli a interessi da usura. Quanti soldi risparmiati da parte dei consumatori che spenderebbero solo quando hanno realmente il denaro occorrente. Servirebbero solo più poliziotti per proteggere il denaro in casa, e voilà altri posti di lavoro creati, tanto con le tasse pagate questo si potrebbe fare. E le aziende non dovrebbero fallire per colpa delle banche, perché queste non ci sono più, ma solo per colpa di imprenditori incapaci e inefficienti, e ce ne sono tanti. Ma tutte le persone oneste e di buona volontà saprebbero sostituirli senza vedere il loro posto di lavoro a rischio come succede adesso. E quando accade che l’azienda metta in cassa integrazione perché queste persone non vengono impiegati per casi di pubblica utilità: sono tantissimi. E così i comuni potrebbero risparmiare per migliorare i servizi, lo stesso dicasi per i disoccupati. Perché pagare delle persone che stanno a casa a far niente. Senza banche pian pano scomparirebbero tutte quelle istituzioni che sono lì a garantire gli interessi dei potenti. Eliminiamo anche le banche d’affari e questi bravi economisti mettiamoli ad insegnare nelle nostre università ad un decimo del loro stipendio. I giovani hanno bisogno di bravi maestri se la civiltà deve progredire, adesso non sta progredendo, con milioni di persone che muoiono a causa di guerre, carestie, malattie, indigenza. Non credo che sia solo colpa delle banche, ma ci sono sempre loro dietro ai grandi fallimenti della storia, e si arricchiscono spaventosamente anche in caso di guerra. E a volte falliscono anche loro ma è una pagliuzza in un pagliaio. Io credo che l’economia reale andrebbe molto meglio senza le banche, sono solo aziende a scopo di lucro come tutte le altre. E in una economia sana le aziende devono fallire quando non sono in grado di reggersi da sole, perché sovvenzionarle con soldi pubblici, solo per accontentare il politico di turno che con quelle aziende faceva affari. Meglio ridistribuire a persone che hanno voglia di avviare piccole attività, le sovvenzioni devono servire solo a questo. Quanti miliardi si sarebbero risparmiati e quanti ricchi si sarebbero ridimensionati. Serve più uguaglianza fra le persone, arricchirsi solo con le proprie forze è sicuramente etico, in caso contrario alimentiamo solo la disonestà. L’onestà deve essere un valore fondante, non la furbizia, o l’arroganza, la presunzione, la volgarità e chi più ne ha più ne metta.

Bisogna partire dal presupposto che il denaro non è più un banale mezzo di scambio, il denaro è un dio idolatrato in cui avere fede, e dove poterlo adorare se non nel tempio che è la banca. Come spiegare se no l’accettare il denaro come ragione di vita, come unico metro nella valutazione di cose e persone. Controllando il denaro si prova a controllare quasi tutto, questo è il motivo per cui esistono le banche.

Marco Fantuzzi

Il fiero coraggio

Il fiero coraggio della vita non posso dire mi abbia abbandonato, in verità non l’ho mai avuto.

Sono innamorato di un’ideale di vita, non della vita stessa, non del dolore che soffoca la vita stessa, non dell’amore che soffoca il desiderio.

Altro non c’è. Dolore e amore, e in fondo un infinito stupore.

Ma cos’è questo mondo

Ma cos’è questo mondo che ci lascia sempre più indifferenti, se scavi a fondo nell’animo tuo e altrui ti passa la voglia di lottare (e ti dicono che sei pessimista), se gioisci, se vedi sempre il lato positivo delle cose (se poi c’è, ma per questi c’è sempre) ti dicono che sei ottimista.

Ma il mondo chi l’ha fatto, gli ottimisti o i pessimisti, o l’hanno fatto insieme? Difficile crederlo, o forse sì visto il risultato.

L’ha davvero creato un dio (imperfetto), è stata una perfetta casualità, o una causalità di eventi susseguenti?

Io la risposta ce l’ho, è la mia e non ve la dirò, ognuno deve cercarla dentro di sé (ma chi mi segue da un po’ può essersi fatto un’idea di come la penso, anche se credo che informarsi sia un diritto ma ragionare con la propria testa sia un dovere).

Perché non esistono fatti e parole buone per ogni stagione, anche se mi piacerebbe crederlo, anche se vorrei che la follia degli uomini ci riportasse tutti bambini, con quell’innocenza che sola può salvarci.

Marco Fantuzzi

Fino a che punto …

Fino a che punto la follia è frutto della nostra mente, fino a che punto i nostri comportamenti sono solo nostri e non anche dettati da meccanismi turbati da variabili imprevedibili che non ci danno il tempo di riflettere?

I raptus, di cui tanto si parla quando si perde il controllo, esistono davvero o sono solo emozioni latenti?

Io ho letto pochissimi libri di psicologia, ma credo che quello che esca, fosse già dentro di noi, quiescente e poi zampillante come un vulcano disturbato da un lungo sonno.

Marco Fantuzzi

Classe media e progresso

“Con la scomparsa della classe media, a svanire è l’esistenza di un mondo comune, dove gli ideali di utilità generale e di bene pubblico hanno sempre avuto la funzione di preservare la consistenza di una fascia di popolazione che imponeva limiti alla povertà e alla ricchezza estrema e costituiva la possibilità stessa della democrazia.” (citazione)

Ricchi e poveri, una diversa umanità, una doppia umanità?

C’è chi parla di un progresso inarrestabile, seppur punteggiato di alti e bassi, e chi di un inarrestabile declino, difficile dire chi abbia ragione, si tratta probabilmente di un’osservazione dello stato di cose da due punti di vista, non c’è una verità assoluta.

C’è una visione capitalista e ottimistica, che vede sempre il bicchiere mezzo pieno, e quella minimalista e pessimista di chi vede il bicchiere mezzo vuoto, ed è la maggioranza degli abitanti di questo bistrattato pianeta.

Per ogni argomento c’è e ci sarà sempre più di un punto di vista, il problema è sempre lo stesso, se non sei sul pezzo, a chi credere, sommersi come siamo dalle informazioni, servirebbe un diverso metodo d’indagine, forse i filosofi potrebbero esserci d’aiuto.

Marco Fantuzzi

Non c’è memoria

Non c’è memoria di epoche in cui la civiltà umana sia stata esente dalla corruzione, una corruzione presente nelle più alte rappresentazioni di laicità e religione, istituzioni, politica e imprenditorialità.

La criminalità organizzata, non a caso viene così denominata, si è talmente interessata all’apparato sano della società che a volte è perfino difficile riconoscerla e quasi impossibile rimuoverla, legata a doppio filo ritorto con tutte le persone e le attività che le va di coinvolgere.

Sconfiggere lo Stato mafioso è come sconfiggere lo Stato sano, per troppo tempo si è permesso alle varie mafie di intrufolarsi nella vita civile, è come un virus letale che ci condurrà dove vuole lui, serve un vaccino che ancora non esiste.

Chi ancora crede che sia possibile rimuovere un cancro ormai in metastasi non ha evidentemente studiato medicina oppure crede che un Dio ci aiuterà ad uscirne, ma è lo stesso Dio che nel paradiso terrestre cercò di corrompere Adamo, e ci riuscì!

Marco Fantuzzi

Dove pescare il coraggio

Dove pescare il coraggio per sopravvivere se non ce l’hai, in questo caso serve fiducia negli altri, e se non ce l’hai? Ti servirebbe la fede in Dio, ma cosa fare se non hai neppure quella. Qualcosa di buono devi avere, qualcuno disse, non ricordo chi, perché tutti noi abbiamo un talento, ma a volte non sappiamo di averlo, non sappiamo come farlo emergere, nessuno ce l’ha mai evidenziato. E allora? Quando i giorni sono tutti uguali, e tu odi la quotidianità, non sai apprezzare la luce dei piccoli gesti, che fare se non sperare!

E quando non ti basta la speranza, ma non vuoi arrenderti davanti ad un no, perché pensi che lei sia la persona giusta, ma sei confuso e smarrito, perché non ne capisci il motivo, ti senti inadeguato perché non hai la forza per combattere, per lottare per il tuo futuro. Perché il presente ti angoscia e vivi solo la malinconia del ricordo, e non capisci come hai potuto arrivare sin qui. Ma non hai saputo gestire i rapporti umani, hai bisogno di aiuto e non lo chiedi, non sopporti le persone, ma che ti hanno fatto, vorresti sparire, ma da quando sei venuto al mondo non ti puoi nascondere, non ti servirà.

Devi cercare la felicità in ogni gesto che fai, perché ogni gesto è vita, non devi temere i demoni che hai dentro di te, non devi nemmeno soffocarli, non essere schiavo della tua mente, impara a conviverci, non arrenderti a questa vita anche se non ti convince, la vita ti appartiene, tu appartieni alla vita, c’è sempre speranza in un futuro migliore, anche quando non ci credi, smettere di lottare non ti servirà, arrenderti alla morte spirituale ti trasformerà in una persona senza tempo, tu non farlo terminare in anticipo.

Marco Fantuzzi